martedì 11 settembre 2018

Firenze, jazz in piazza e per la piazza

La musica antidoto al degrado dei quartieri


“Settembre in piazza della Passera”, festival jazz dall’11 al 14 settembre a Firenze

Scritto da   Domenica, 09 Settembre 2018 
“Settembre in piazza della Passera”, festival jazz dall’11 al 14 settembre a Firenze
Un evento nato per valorizzare un quartiere centrale di là d’Arno giunge alla XVII edizione, rassegna di jazz, quest’anno aperta ad altre forme musicali, che diventa un’impresa culturale e sociale. Con la voglia di rendere protagonisti studenti di musica e giovani artisti locali, ora spesso noti a livello nazionale, la manifestazione conferma il potere della musica e la il valore di ri-portare la cultura in strada.

Dopo un anno sabbatico torna “Settembre in piazza della Passera”, giunta alla XVII edizione, dall’11 al 14 settembreprotagonista la musica, jazz e non solo in questa nuova edizione. Il festival, ideato da Stefano Di Puccio e dalla sua Trattoria 4 Leoni insieme all’associazione culturale “In Piazza” – sotto la direzione artista di Alessandro Di Puccio (il cugino) e in collaborazione per l’organizzazione con Momy Manetti, è diventata un’istituzione tra gli appuntamenti cittadini.
Per una lettura completa dell'articolo, http://ilchiasmodellerappresentazioni.blogspot.com/2018/09/a-livorno-il-teatro-e-sotto-casa-con.html

A Livorno il teatro è sotto casa con Scenari di quartiere


“Scenari di quartiere”, festival di teatro di narrazione, a Livorno dall’ 8 al 23 settembre

Scritto da   Sabato, 08 Settembre 2018 
“Scenari di quartiere”, festival di teatro di narrazione, a Livorno dall’ 8 al 23 settembre
Terza edizione per “Scenari di Quartiere”, da sabato 8 a domenica 23 settembre, festival teatrale di narrazione a Livorno, città di mare e quindi di storie, con 15 spettacoli al calar del sole, in luoghi insoliti, tutti a ingresso libero. Dalla collaborazione con il Teatro Nazionale della Toscana e il Teatro Goldoni di Livorno, una conferma dell’importanza delle sinergie nella cultura, il ritorno del teatro di narrazione e di prossimità territoriale, perché la rappresentazione disegni una trama sociale e non solo culturale. Quest’anno anche tre appuntamenti di dibattito filosofico fuori dalle accademie, in chiave socratica.

Per una lettura completa dell'articolo, http://www.saltinaria.it/news-spettacoli/teatro-news/scenari-di-quartiere-festival-di-teatro-di-narrazione-a-livorno-terza-edizione.html

Il contemporaneo a Firenze si chiama Secci


Per Eduardo Secci il contemporaneo è un sogno da vivere

paolo_grassino_2018
Un sogno o un incubo, comunque un’atmosfera nella quale lo spettatore si immerge e non semplicemente guarda, questa la filosofia del contemporaneo di Eduardo Secci, fondatore e titolare dell’omonima galleria fiorentina. Un’ottica che cambia anche lo spazio scenico della galleria. Questo giovane ha portato il contemporaneo nell’arte a Firenze e oggi è pronto ad un altro viaggio italiano, sul modello anglosassone, con molto entusiasmo, mettendosi totalmente in gioco nella programmazione dello spazio che gestisce a Palazzo Corsini, nel cuore della città medicea. Lo abbiamo incontrato in occasione dell’inaugurazione della personale di Paolo Grassino, curata da Lóránd Hegui, per farci raccontare la sua storia e la sua filosofia che, al di là delle scelte artistiche, ha portato un vento nuovo nell’allestimento delle mostre e nel rapporto con il pubblico e il cliente. Già con uno sguardo internazionale, avendo frequentato la scuola americana, iscritto poi ad Economia aziendale all’Università – che ha deciso di riprendere e completare da poco – si è fatto assorbire gradualmente dall’attività di gallerista. In mezzo all’arte d’altronde ci è cresciuto visto che il padre era un collezionista importante, già di arte contemporanea, e negli Anni ’70 ha avuto una galleria importante per passione, supportando anche economicamente gli artisti locali, sebbene l’attività principale fosse quella di imprenditore nel settore delle costruzioni. 


Per una lettura completa dell'articolo, https://bebeez.it/2018/09/11/per-eduardo-secci-il-contemporaneo-e-un-sogno-da-vivere/

domenica 9 settembre 2018

Islam e Firenze, una storia lunga secoli in una mostra


Islam e Firenze. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento – Uffizi e Bargello (Firenze)

Scritto da   Domenica, 09 Settembre 2018 
Islam e Firenze. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento – Uffizi e Bargello (Firenze)
Una mostra divisa su due sedi che marca l’attenzione per l’arte islamica – Firenze possiede una delle più grandi collezioni d’Europa – alla corte dei Medici e il loro rapporto contraddittorio e l’attenzione dei collezionisti che confermano il ruolo di crocevia culturale di Firenze nella storia.

Una grande mostra dal 22 giugno 2018 al 23 settembre 2018 allestita tra gli Uffizi e il Bargello e curata dal professor Giovanni Curatola, docente di Archeologia e Storia dell’Arte Musulmana all’università di Udine, risultato di oltre due anni di ricerca di un comitato scientifico internazionale che ha lavorato intensamente alla selezione delle opere e al catalogo della mostra, con saggi ricchi di indagini scientifiche e storiche, utili a mettere in chiaro il ruolo importantissimo di Firenze negli scambi interreligiosi e interculturali tra il Quattrocento e il primo Novecento. La presenza dei musulmani o meglio dei pirati di Barberia come venivano chiamati era inquietante in tutto il Mediterraneo e non ha risparmiato la Toscana

Per una lettura completa dell'articolo, http://www.saltinaria.it/news-arte/eventi-e-arte-news/islam-e-firenze-arte-e-collezionismo-dai-medici-al-novecento-uffizi-e-bargello.html

lunedì 3 settembre 2018

Un film dedicato al celebre cantante tunisino, Hédi Jouini

CIAK

“Papa Hédi”, Jouini le Frank Sinatra tunisino
di Mila Fiorentini


Hédi Jouini, un’icona tunisina, intramontabile, un grande classico che ha saputo aprirsi alla contaminazione linguistica, unendo in modo originale e nuovo vari generi musicali. Detto il “Frank Sinatra” della Tunisia o forse il Jacques Brel tunisino, come si dice nel film,  Papa Hédi. The man behind the microphone è il ritratto di uno dei musicisti più apprezzati della Tunisia del secolo scorso, un viaggio poetico attraverso gli occhi della sua nipote inglese, Claire Belhassine, regista, sceneggiatrice-produttrice, cresciuta in Inghilterra dove ha avuto pochi legami con la famiglia tunisina.




Papa Hédi. The man behind the microphone
Regia, sceneggiatura e co-produzione Claire Belhassine
Nominations: Muhr Feature Award for Best Director, Special Jury Prize Muhr Feature Award, Best Muhr non-Fiction Feature Award
Distribution : Adel Jouini, Hamadi Jerad, Afifa Belhassine, Samia Belhassine, Ferid Belhassine, Nanou Belhassine, Faouzia Jerad
Uscita 6 agosto 2017
Presentazione a Tunisi 12 luglio 2018
Uscita nelle sale tunisine 26 settembre 2018

Per una lettura completa dell'articolo,

https://libertariam.blogspot.com/p/ciak.html

domenica 2 settembre 2018

Max Gazzè in tour con Alchemaya


Max Gazzè, “Alchemaya Tour” @ Festival La Versiliana 2018 (Marina di Pietrasanta), 31/08/2018

Scritto da   Domenica, 02 Settembre 2018 
Max Gazzè, “Alchemaya Tour” @ Festival La Versiliana 2018 (Marina di Pietrasanta), 31/08/2018
Più che un concerto, uno spettacolo a tutto tondo la tappa di Max Gazzè in Versilia, in occasione della festa annuale de Il Fatto Quotidiano con “Alchemaya”, opera sinfonica esoterica, di grande raffinatezza, che coniuga l’eleganza classica dell’orchestra omonima diretta da Clemente Ferrari, il piano - suonato dalla coreana Sun Hee You, di grande espressività -, la narrazione e la cura dei testi, poetici, interpretati da Ruben Rigillo, voce narrante, il tutto insieme all’uso di sintetizzatori e ad un mood più popolare che attinge alla poesia in rima e alla filastrocca, per raccontare l’amore ai nostri tempi. Un’operazione che suona come una sfida per la ricerca e lo studio che nasconde, come anche per una scelta non ammiccante sul tema della storia dell’uomo, rilettura laica ma spirituale dell’origine del mondo e del suo declino. L’effetto speciale è un risultato, non uno strumento per conquistare il pubblico. Alto profilo musicale, testi da leggere oltre che da ascoltare, e grande capacità ironica e ritmo di Max Gazzè.


sabato 1 settembre 2018

Equivoci e segreti, un film per la TV di Roberta Bellini


 "Equivoci e Segreti" - film per la tv
Regista, Sceneggiatrice e Interprete principale Roberta Bellini


Questa è la storia dal tema odierno e accattivante, tratto da storie
vere che colpirà il pubblico. La protagonista Deborah (interpretata dall'autrice Roberta Bellini) è una bella ragazza ma infedele, bugiarda, superficiale, al contrario del suo
ragazzo Thomas, innamorato, fedele ma geloso.
Deborah si guarda attorno e s'invaghisce di Antonio, un imprenditore ... ( interpretato da Francesco Puopolo, personaggio di fama Nazionale).
Il protagonista Manuel Cassano (interpretato dall'Attore di fama Nazionale Giovanni Caso), imprenditore facoltoso, infedele, bugiardo, macchiavellico, è sposato con
una bella donna, Jenny (interpretata dall'Attrice di fama Nazionale Floriana Rignanese, anch'ella infedele e furba. Altri personaggi importanti "colorano e stuzzicano" questa storia.
Intrighi, sentimenti, gelosie, equivoci, segreti... sono gli "ingredienti" di questo prodotto televisivo scoppiettante...
La vita è un boomerang? Lo scopriremo seguendo il film
Le riprese sono iniziate l'8 Luglio 2018, tra Gravina in Puglia e Ruvo di Puglia, e stanno proseguendo in tutta la Puglia, per poi programmare il prodotto televisivo, al piccolo schermo verso inizio anno nuovo.
La troupe
Collaboratore: Silvio Onorato
Riprese e montaggio: Vincenzo Mastrolonardo
Fonico: Dario De Bartolomeo
Parrucchieri: Harem di Milena De Benedictis, Enzo Direnzo, Nunzia Pellegrino, Mirella Fusaro

Trucco: Federica Lacalamita
Fotografi: Carlo Centonze e Michele Granieri
Segretari di Edizione: Sebastiano Amatulli e Michele Pellegrini
Sicurezza: Luigi De Nicolo
Musiche originali: Giuliano Guida e Gino Loglisci
Stilista Atelier Sposa Rita Evangelista, Gravina

Calzature Brescia, Ruvo
Impr. Edile Domenico Montarulo, Gravina

Az. Agricola Minafra

Macelleria Trattoria "Primo taglio"

Palestra G&G Fitness Club, Ruvo

Caffetteria Carpe Diem, Gravina

Cast:
Oltre alla protagonista interpretata dalla stessa Regista,che interpreta il ruolo di Deborah, gli altri attori: Grazia Loiacono, Mario Quacquarelli, Luciana Monaco, Nicole Salcone, Giusy Barberio, Michela Marzano, Desirée Di Palma, Maria Vaccariello, Maurizio Marzocca, Francesca Cuna, Dario De Bartolomeo, Lorenzo Gentile, Giusy Cuscito, Francesco Mele, Elona Cunaj, Besjon Preci

Figurazioni speciali: Rita Evangelista, Francesco Pizzi, Andrea Evangelista, Angela Dipalma, Michele Laddaga, Michele Puzziferri, Luigi De Nicolo, Marianna Brescia, Michele Tedone, Fabrizio Fortuna, Luisella Cantatore, Michele Pellegrini.

Roberta Bellini, 40enne barese, attrice, regista, sceneggiatrice,
conduttrice tv ed eventi, inviata tv, docente di recitazione, musical e
dizione, dirige e interpreta varie opere filmiche cinematografiche, tra le
quali "La mia vita: amore per sempre", genere tragico, "Casa:2=RISATE",
genere comico ... collezionando una serie di successi con sold out, fino al
suo nuovo progetto dal titolo" Equivoci e segreti", con il messaggio: “non fare al prossimo, ciò che non vorresti esser fatto tu... chi
male fa, male avrà (il Karma); ricordati di rispettare i 10 comandamenti, i valori
e i principi morali che ci hanno insegnato i nostri nonni e genitori”.

Potete visualizzare la pagina film